Napoli campione d’inverno e Benevento fanalino di coda: l’analisi del girone d’andata

La 19a giornata si è conclusa ma, soprattutto si è concluso il girone d’andata. Si è concluso con la vittoria della Juventus sul Verona e si è concluso con il Napoli che conquista per le quinta volta nella sua storia il titolo di campione d’inverno. Se era certo che queste due squadre sarebbero state in testa per tutto il campionato, non si può dire altrettanto per la nuova Inter di Luciano Spalletti. Spalletti è riuscito a resuscitare giocatori finiti ma soprattutto è riuscito a riportare l’Inter nei posti di vertice della classifica dopo anni di dolorosi fallimenti, nonostante le ultime sconfitte verso la fine del girone. A seguire vi sono poi la Roma e la Lazio che ormai non sono più delle sorprese, così come l’Atalanta, che si stabilisce ancora nella metà alta della classifica. Fa sorprendere la posizione del Milan che non riesce a vincere a Firenze e che, dopo aver speso più di 200 milioni di euro per la campagna acquisti e aver cambiato due allenatori sembra non essere in grado di competere per i posti in Champions. Partenza sprint per la Sampdoria (con le vittorie contro Milan e Juve) e frenata finale che non gli ha impedito comunque di rimanere in lotta per l’Europa League insieme alla stessa Fiorentina, al Bologna, al Torino e al nuovo Udinese di Massimo Oddo. Il girone di andata ci riserva però numerose incertezze nella parte medio-bassa della classifica. Il Sassuolo, con un percorso molto simile a Genoa e Cagliari, dopo aver cambiato allenatore sembra poter confermarsi in Serie A così come Genoa e Cagliari con Iachini, Ballardini e Lopez che hanno sostituito Bucchi, Juric e Rastelli sulle rispettive panchine. La neopromossa Spal, autrice di un inizio campionato molto insidioso e probabilmente affrontato al di sotto delle sue potenzialità sembra avere un passo in più rispetto alle rivali Crotone e Verona. Fanalino di coda, e non può essere altrimenti, è il Benevento. Partito malissimo e continuato anche peggio ha fatto registrare il record negativo nei top 5 campionati europei di partite senza punti (ben 14) e che ha ottenuto il primo punto storico contro il Milan, all’ultimo minuto e con il goal indimenticabile del portiere Brignoli. Proprio ieri la squadra di De Zerbi ha vinto per la prima volta nella sua storia grazie alla rete di Massimo Coda.
Buon anno, con la speranza di un campionato sempre più avvincente e, con un Benevento che certamente vorrà cominciare il nuovo anno come ha finito il vecchio.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com