Trasferta in terra siciliana per il Cuore Basket Napoli aspettando il 9 aprile

Domenica ad Agrigento per onorare il campionato con la mente rivolta al giorno successivo.

Lunedi infatti si svolgerà la prima udienza del processo che vedrà la Viola Reggio Calabria sul banco degli imputati per frode sportiva.

Possibile che nel primo grado venga chiesta la condanna (penalizzazione o retrocessione in B) per la squadra calabrese il che significherebbe la partecipazione ai play out salvezza per la squadra napoletana.

Coach Bartocci che da un paio di mesi può contare su una rosa ridotta e poche alternative con minutaggi elevati per i giocatori ed ha chiesto legittimamente ai suoi di giocare onorando il campionato al di là di ciò che potrebbe avvenire nelle prossime settimane.

Il derby con Scafati di sabato scorso perso con lo scarto di sette punti ha evidenziato come la retrocessione matematica della squadra azzurra ha forse liberato la mente dei giocatori che affrontano senza responsabilità le partite una volta scesi sul parquet.

Gli investimenti effettuati dalla dirigenza partenopea ad inizio stagione non sono evidentemente bastati a salvare una stagione(la prima in A2 per il Cuore Basket Napoli)partita sotto una cattiva stella tra infortuni,rescissioni e scelte sbagliate ed arrivi di alcuni giocatori solo virtuali.

I due americani Turner e James arrivati forse troppo tardi si sono rivelati forti ed affidabili e la crescita di Mascolo e Caruso sono da considerare il fiore all’occhiello di questa tribolata stagione comunque dovesse andare.

La squadra avversaria la Moncada Agrigento a tre giornate dal termine è ottava ed è in piena lotta per un posto nei play off.

Il parquet ha per ora sancito il verdetto ovvero la retrocessione sul campo del Cuore Basket Napoli e per salvarsi o alimentare una residua possibilità di salvezza occorrerà sperare nelle altrui disgrazie ovvero una possibile retrocessione della Viola Reggio Calabria ,dunque un verdetto extrasportivo.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com